Invocazioni nate dall’ascolto della Parola di Dio in questa quinta Domenica dopo Pentecoste

Exemple

Invocazioni nate dall’ascolto della Parola di Dio in questa quinta Domenica dopo Pentecoste


Preghiamo insieme e diciamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

Signore Dio, spesso abbiamo la curiosità di sapere:
sono pochi, o tanti, quelli che si salvano?
Il tuo Spirito allontani ogni tentativo di attribuire la salvezza all’uno o all’altro.
Ci aiuti a guardare in profondità e a chiederci a che cosa oggi ci chiama il vangelo.
Preghiamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

Signore Dio, Gesù ci chiede lo sforzo di entrare per la porta stretta.
Il tuo Spirito ci aiuti ad accettare di essere misurati
dai tuoi pensieri e non dai nostri,
ad accettare che la nostra vita sia guidata dalla tua Parola e non dalle nostre.
Preghiamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

Signore Dio, Gesù ci ricorda che non basta mangiare e bere in sua presenza,
se non si vive, nella concretezza, la comunione fraterna e quotidiana.
Il tuo Spirito ci aiuti a costruire immagini di convivialità universale sulla terra,
per preparare la gioia che nasce dell’incontro
di ogni terra, di ogni cultura, di ogni fede,
gioiosamente riunite sul monte santo di Dio.
Preghiamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

Signore Dio, in ogni Eucaristia Gesù insegna nella nostra comunità:
e ci dona lo splendore e la strettezza del Vangelo.
Il tuo Spirito ci sostenga sempre nello scorgere e nell’attraversare la porta stretta:
quella della croce e del dono totale di sé.
Preghiamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

Signore Dio, Gesù ci ricorda i popoli che verranno
da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno
e siederanno a mensa nel regno di Dio.
Il tuo Spirito ci aiuti ad aprire il Regno a tutti,
senza mai operare distinzioni ed esclusioni.
Preghiamo: Salva e benedici il tuo popolo, Signore!

error: Content is protected !!