Invocazioni nate dall’ascolto della Parola di Dio in questa IV Domenica dopo l’Epifania

Exemple

Invocazioni nate dall’ascolto della Parola di Dio in questa IV Domenica dopo l’Epifania


Preghiamo insieme e diciamo: Signore, salvaci!

Signore Dio, spesso la Chiesa dimentica la tua presenza,
e si sente barca fragile nel mare della vita.
Il tuo Spirito le conceda di non temere la sua fragilità e la sua debolezza,
e le doni di superare ogni vergogna,
per confessare, con gioia, che solo tu puoi salvare.
Ti preghiamo: Signore, salvaci!

Signore Dio, noi contempliamo Gesù che sale sul monte, cercando solitudine.
Il tuo Spirito ci aiuti a non appiattirci nella pianura delle nostre vita,
dove le urgenze e le bramosie ci assillano e svuotano,
e ci guidi ad essere, ogni giorno, fedeli all’incontro con te.
Ti preghiamo: Signore, salvaci!

Signore Dio, tu comprendi che spesso siamo assaliti da tante paure
e che ci rifugiamo, facilmente,
presso chi ci promette soluzioni facili e disimpegnate.
La Parola che tu ci doni diventi, per noi, guida alla riflessione e alla preghiera,
perché possiamo capire che solo tu stendi la tua mano e ci liberi da ogni paura.
Ti preghiamo: Signore, salvaci!

Signore Dio, tante volte il nostro cuore è indurito, come quello degli apostoli,
e ci vincono le nostre impetuosità, durezze e insofferenze.
Il tuo Spirito ci sostenga nel saper attraversare con Gesù,
i mari che ci fanno gridare di paura e ci sconvolgono.
Ci aiuti a trovare nella tua presenza, anche misteriosa, la vera pace dei nostri cuori.
Ti preghiamo: Signore, salvaci!

Signore Dio, non possiamo dimenticare quanti, dalle barche sperse nei nostri mari,
gridano verso cuori ostili e atrocemente sordi.
Dona alle nostre Comunità di saper chiedere, e impegnarsi,
per una sempre maggior attenzione e sensibilità, verso tante disperazioni.
Ti preghiamo: Signore, salvaci!

error: Content is protected !!