San-Pietro-in-Gessate, facciata e campanile prima del restauro, fine 1800

LA STORIA

XIII sec. La domus degli Umiliati Santi Pietro e Paolo “in Glaxiate”

Risale al XIII secolo il complesso di Santi Pietro e Paolo “in Glaxiate”, posseduto dagli Umiliati, ordine fiorente e molto diffuso in quel periodo in Lombardia, come si ricava da una delle principali fonti storiche duecentesche, il Liber Notitiae Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero, e dal De Magnalibus Mediolani, lo splendido affresco della città di Milano di Bonvesin da la Riva, appartenente egli stesso al “Terzo Ordine degli Umiliati”.
Non è possibile immaginare che aspetto avessero la chiesa e il monastero nei duecento anni circa in cui furono domus degli Umiliati, è certo che…

 

Continua a leggere

XIII sec. La domus degli Umiliati Santi Pietro e Paolo “in Glaxiate”

Risale al XIII secolo il complesso di Santi Pietro e Paolo “in Glaxiate”, posseduto dagli Umiliati, ordine fiorente e molto diffuso in quel periodo in Lombardia, come si ricava da una delle principali fonti storiche duecentesche, il Liber Notitiae Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero, e dal De Magnalibus Mediolani, lo splendido affresco della città di Milano di Bonvesin da la Riva, appartenente egli stesso al “Terzo Ordine degli Umiliati”.
Non è possibile immaginare che aspetto avessero la chiesa e il monastero nei duecento anni circa in cui furono domus degli Umiliati, è certo che…

 

Continua a leggere…

1433-1447. Bolle papali di assegnazione del monastero alla Congregazione Benedettina di Santa Giustina e controversia con gli Umiliati

La storia della domus de Glaxiate testimonia come la crisi dell’ordine e la sua conseguente disgregazione portò alla bolla di papa Eugenio IV del 1433, la quale impose l’esproprio dei beni e il passaggio del monastero alla Congregazione benedettina di Santa Giustina, nuovo modello di ritorno all’osservanza della Regola, in un momento in cui era diffusa in generale una decadenza degli ordini religiosi…

 

Continua a leggere…

1433-1447. Bolle papali di assegnazione del monastero alla Congregazione Benedettina di Santa Giustina e controversia con gli Umiliati

La storia della domus de Glaxiate testimonia come la crisi dell’ordine e la sua conseguente disgregazione portò alla bolla di papa Eugenio IV del 1433, la quale impose l’esproprio dei beni e il passaggio del monastero alla Congregazione benedettina di Santa Giustina, nuovo modello di ritorno all’osservanza della Regola, in un momento in cui era diffusa in generale una decadenza degli ordini religiosi…

 

Continua a leggere…

PAGINA IN ALLESTIMENTO
error: Content is protected !!