Con me nel paradiso

Exemple

Con me nel paradiso


I vangeli della passione e resurrezione del Signore,
di cui la Liturgia, oggi, ci dona un drammatico frammento,
illuminano il testo di Isaia che nasconde un mistero di forza e piccolezza…
Un testo di lettura faticosa e inquietante
e solo il mistero della morte e resurrezione di Gesù
può illuminare queste parole colme di contrasti,
che parlano delle sofferenze di una persona molto amata…
Si parla di Dio e di un servo: si dice che Dio ha gran cura di questo servo,
e lo protegge, e lo custodisce, fin dal seno materno…
Dio si accosta a lui con molta attenzione:
a quell’uomo, umanamente sconfitto, dà un incarico di massima importanza…
Il servo è, prima di tutto, fedele alla parola che Dio gli consegna,
ed è proprio per questo che diventa potente,
è chiamato per realizzare il desiderio di bene che abita il cuore di Dio,
deve far tornare e radunare i dispersi, e perciò ad essere luce:
immagini bellissime che annunciano pace e riconciliazione…

Ma quella del Servo è una missione che acquista anche un respiro universale:
non deve, infatti, limitarsi a ricondurre a Dio Giacobbe e Israele,
il suo compito missionario travalica un orizzonte interno
per aprirsi nei confronti delle genti…
Le parole del profeta aiutano a comprendere, con verità e commozione,
le parole di Gesù, il reietto e crocifisso,
rivolte al ladro, reietto e crocifisso con lui…
Gesù è il servo di Dio, ma non è un eroe fuori dal comune,
non è un uomo che annienta il male con la forza, con poteri straordinari
perché Dio non vuole eroi, ma figli che vivano da fratelli…

Gesù è uno che si impegna per il bene, ed è osteggiato dal maligno
sopporta la fatica e il rifiuto, per divenire il vero forte
che può rendere forti quanti credono in lui, e questa è la nostra speranza…
Dio continua a scegliere i suoi servi, sceglie ciascuno di noi perché ci ama,
e si comunica a noi perché possiamo essere luce del mondo….
A quanti hanno perso la libertà, vittime di un vizio, di un peccato o dell’ingiustizia,
Dio manda i fratelli di Gesù che si mettano al servizio di ogni povertà…
Ogni ingiustizia, ogni tormento del male senza colpa per cui non esiste risposta,
attendono la parola di un amore più grande e capace di liberare:
a chi è, nelle logiche umane, lontano e reietto,
Dio invia un uomo, una donna che condividendo fatica e sofferenza,
sappia sussurrare: oggi, con me tu sei nel paradiso!

don Enrico