Riprende l’Adorazione Eucaristica in forma comunitaria

Exemple

Riprende l’Adorazione Eucaristica in forma comunitaria


Una forma di preghiera cara alla spiritualità cristiana, l’adorazione eucaristica riprende in forma comunitaria e pubblica, dopo il lungo periodo di sospensione a causa della pandemia.
Ogni giovedì nella basilica di S. Pietro in Gessate dalle ore 10 alle 15,30 (salvo il momento della santa Messa delle 13,15) si svolgeranno turni di adorazione silenziosa e momenti di preghiera corale.
Una nuova opportunità di adorazione eucaristica è offerta quest’anno anche presso la basilica di S. Carlo: il 1° e 3° lunedì del mese dalle ore 19,30 alle ore 20,30 dopo la santa Messa delle ore 19.
Una traccia dello svilupparsi di questa forma di preghiera la troviamo nella prassi introdotta da San Basilio, vescovo e dottore della Chiesa vissuto nel IV secolo: al termine della celebrazione eucaristica conventuale, era solito dividere l’Eucaristia in tre parti: quella che restava dopo la consumazione di colui che presiedeva e dei monaci veniva posta in un ostensorio sopra l’altare, per l’adorazione da parte della comunità. Poco alla volta questa forma di preghiera si diffuse un po’ ovunque e venne incoraggiata con forza in tanti documenti del magistero e dall’esempio dei santi.
Nella vita delle parrocchie, l’adorazione è momento di consapevolezza della chiamata ad essere figli e fratelli nel Signore. È una scuola di silenzio contemplativo: l’origine latina della parola “adorazione” indica il gesto di portare la mano alla bocca perché tacciano le parole e si inchini il capo davanti al Risorto.