Ricordare

Exemple

Ricordare


Nel testo profetico di oggi, opera di un discepolo del grande Isaia,
la prima parola è voglio ricordare!
In questo verbo c’è il senso pieno del nostro radunarci, convocati dal Signore:
siamo radunati in assemblea, ogni Domenica, per ricordare,
convocati per fare memoria, forte, dell’amore di Dio per il suo popolo…
Anche se i nostri bilanci di vita sono più o meno negativi,
anche se la storia umana ci delude e ci rattrista,
il Signore ci chiede, ogni Domenica, di fare memoria del suo amore per noi…
Il suo amore di Padre si è totalmente manifestato in Gesù
e, sempre, noi chiediamo perdono per il dimenticare che Dio ci ama
e per le conseguenti tristezze che ci hanno assalito…

Eppure, anche noi, come fu già per il popolo che cantava le misericordie di Dio,
– che cantava le sue lodi, la sua gloria e quanto ha fatto per liberarlo –
spesso dimentichiamo di essere creati e convertiti, quotidianamente,
dalla sua Parola, proclamata, ma non amata e vissuta…

Così, torna valido, anche oggi, e per noi, il richiamo di Gesù:
Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna…
Allora, Gesù rispondeva ai biasimi dei Giudei che lo accusavano
per aver guarito un paralitico alla piscina di Betsatà nel giorno di sabato;
Gesù replica, mettendoli di fronte al fatto che il suo popolo
– che si vanta di custodire la Parola che Dio ha trasmesso –
non dà ascolto all’avverarsi di quella stessa Parola…
Questa Parola pone tutti dinanzi alle proprie responsabilità:
non basta aprire la Bibbia, occorre aprire il cuore,
non basta leggere avidamente la Parola,
occorre imparare ad ascoltare quello che Dio vuole dirci,
anche attraverso il sincero confronto tra sorelle e fratelli nella comunità…

Gesù non è come i Giudei che ricevono gloria gli uni dagli altri,
non riceve gloria dagli uomini, non cerca il loro apprezzamento
ma mostra come cercare la Gloria che viene dall’unico Dio,
e per quella Gloria, si fa prossimo al sofferente,
al di là di ogni schema e di ogni tradizione…
Lasciamo che il dono evangelico di oggi ci interpelli sulla nostra fede in Gesù,
sulla nostra disponibilità a lasciare che la Parola nutra e illumini la nostra vita,
sulla volontà di aprire il cuore all’amore di Dio,
sulla scelta di esserne testimoni credibili e veri,
in una vita d’amore e di prossimità verso la sofferenza e l’emarginazione…

don Enrico