Ipocrisia…

Exemple

Ipocrisia…


Non era certo un momento facile:
Gesù giunge a Gerusalemme, e proviene dalla Galilea, terra impura,
si sta per celebrare la festa annuale della Pasqua…
Entrando in città, Gesù è acclamato dalla gente,
ma lui entra subito nel tempio da dove caccia i venditori,
suscitando ira e ulteriori sospetti tra le autorità…
Gesù passa le notti fuori dalla città e ritorna a Gerusalemme al mattino:
una situazione molto tesa in cui si susseguono discussioni,
con le autorità, i capi dei sacerdoti, gli anziani e i farisei,
tutti vorrebbero catturarlo ma hanno paura della folla…

Ora i farisei pensano di aver trovato il modo di metterlo finalmente in difficoltà:
un interrogativo dibattuto quello che gli pongono…
Un interrogativo che tante volte, nei secoli, risuona nella tua Chiesa,
camuffato da accenti diversi,
per tentare di piegare la Parola alle attese e agli interessi del momento…

Ma Gesù, ai farisei, e alla Chiesa di ogni tempo, risponde con parola limpide,
troppo chiare per essere impunemente travisate,
troppo nette e decise per poterle annacquare con qualche scusa:
Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio…

A noi discepoli, a noi Chiesa, Gesù chiede un rapporto limpido con il potere:
Date a Cesare quello che è di Cesare…
Gesù ci obbliga a riconoscere quello che riceviamo dallo Stato in cui abitiamo,
e ci obbliga a fare, sempre, la nostra parte per contribuire al bene di tutti,
senza scappatoie, senza sotterfugi, senza pretesti, senza doppiezze…

Ma Gesù chiede anche altro: Date a Dio quello che è di Dio…
Chiede un atteggiamento conseguente e un’analoga serietà
nel rapporto con Dio, il Padre suo:
Dio non ha bisogno del denaro che è creazione dell’uomo
e che, se non è usato bene, può schiavizzare l’essere umano…
È a Dio, per nostra fortuna, che noi apparteniamo, a nessun altro!
Creati e formati a immagine di Dio,
ci realizziamo solo consegnandoci a Colui di cui portiamo l’impronta:
chiamati, cioè, a praticate la giustizia e l’onestà come la Legge di Dio lo esige…
Se l’ipocrisia dei farisei nega a Dio ciò che gli è dovuto,
i discepoli e le discepole del Vangelo devono esserne consapevoli:
Un cristiano non può essere ipocrita
e un ipocrita non è cristiano (papa Francesco, 6 Giugno 2017)

don Enrico

error: Content is protected !!