Eretici, stranieri e Gesù

Exemple

Eretici, stranieri e Gesù


Gesù era uscito dalla Galilea e si era diretto verso la Giudea,
arrivando a Gerusalemme per la festa di Pasqua,
poi, passando per la Samaria, ritornava di nuovo verso la Galilea…
Ai Giudei osservanti era proibito passare per la Samaria,
non potevano nemmeno parlare con i samaritani,
dall’opinione comune considerati come stranieri, eretici e indemoniati…
Ma a Gesù non importano norme che impediscono amicizia e dialogo:
cammina per la Samaria, vi rimane vari giorni, e molta gente crede in lui…
Dopo questi giorni in terra straniera, Gesù decide di ritornare in Galilea,
pur sapendo che i Galilei guardano a lui con un certo riserbo:
lui stesso l’aveva detto: Nessun profeta è ben accetto in patria
Eppure ora, dinanzi all’evidenza dei segni compiuti da Gesù,
i Galilei lo accolgono bene: così, Gesù ritorna a Cana, dove aveva operato il primo segno…

Qui, a Cana di Galilea, terra di mescolanze religiose, si fa avanti un pagano…
Poco prima, in Samaria, Gesù aveva parlato con una samaritana,
straniera ed eretica, e le aveva rivelato la sua missione di Messia…
Ora, in Galilea, si lascia interpellare da un pagano, un funzionario del re,
ma, soprattutto, un uomo in cerca di aiuto per il figlio malato:
Gesù accondiscende subito alla richiesta e promette la vita per il ragazzo,
nel suo accogliere non vi sono limiti di etnia, né di religione…
Gesù è ecumenico, accoglie tutti!

Tuttavia il funzionario vuole che Gesù vada alla sua casa per curare il figlio,
e la risposta di Gesù suona, ai nostri orecchi, dura e strana:
Se non vedete segni e prodigi voi non credete!
È un profondo cammino di fede, quello che Gesù richiede:
il funzionario voleva vedere Gesù che curava, voleva vedere il prodigio…
Sappiamo bene quanto un simile atteggiamento
appare comune e normale in quanti di noi, pur con devozione,
inseguono segni e miracoli, apparizioni e rituali di ogni tipo…

Gesù non risponde e non cammina verso la casa, con quell’uomo,
anzi, chiede a lui di mettersi in cammino verso casa: chiede fede, e molta fede….
Chiede che il padre creda che il figlio è già curato… Ed il vero miracolo avviene!
Senza vedere segnale o prodigio, l’uomo crede nella parola di Gesù
e ritorna a casa: anche se per lui non deve essere stato facile….
Questo è il vero miracolo: credere senza garanzie, se non la Parola di Gesù…
Questo è miracolo: eretici e stranieri alla scuola della Parola…

don Enrico

error: Content is protected !!