Fuori dai confini

Exemple

Fuori dai confini


Un altro segno di Gesù, che si realizza in un luogo strano e con gente strana…
Il segno a Cafarnao: una città fuori dai confini,
ma luogo dei primi incontri di salvezza,
luogo che già indica l’orizzonte dell’opera del Signore…
Il segno che beneficia uno straniero: un personaggio al di fuori,
non contemplato nel numero degli eletti,
e, inoltre, appartiene ai soldati al servizio dell’oppressore…
Luogo e persona che dicono, al di là di ogni facile moralismo,
che nessuno è escluso dalla salvezza…
Anzi, luogo e persona, che permettono un capovolgimento:
sembra che, talvolta, arrivino, più facilmente, all’incontro con il Signore
coloro che appaiono, per molte ragioni, i più lontani…

Infatti, le parole e il gesto di Gesù rivelano l’autentica figliolanza di Abramo,
che non è privilegio di casta, ma nasce per via di fede…

A questo punto, è sorprendente seguire il discorso di questo pagano, straniero,
che pone un grande rilievo sull’efficacia della Parola…
È proprio lui a glorificare la Parola,
come luogo e potenza della persona stessa del Figlio di Dio…
Ciò che il centurione dice su subalterni e servi,
ci ricorda che la Parola non è una formula magica, dotata di potenza:
la sua è una potenza dovuta alla sua origine, è la Parola di Gesù!
Una parola che ha in Gesù la sua sorgente e il suo compimento…

Il centurione si è lasciato cogliere dalla meraviglia di questa Parola,
la via agile e potente che Dio ha scelto per comunicarsi a tutti…
Così, Gesù può affermare carattere universale della salvezza,
e nella sua ammirazione per la fede del centurione,
pone fortemente in evidenza, questa universalità…

Davanti a questa Parola tutti siamo messi di fronte all’interpellarci di Dio,
all’incessante chiamata di Dio che sempre si rinnova
e davanti alla quale non possiamo vantare vantaggi di appartenza…
Davanti alla Parola siamo sempre tutti novizi,
e quindi può darsi che i novizi del “fuori”,
siano i più pronti ad accogliere e a seguire il Gesù che si manifesta nella Parola…
È davanti alla Parola che ravvivo la mia fede
e, nello stesso tempo, mi spoglio dai pregiudizi per chi è fuori dai confini,
per chi è diverso da me per cultura, razza, religione:
perché in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande!

don Enrico

error: Content is protected !!