Li vide…

Li vide…


Tante vicende sto­riche avevano fatto della Galilea la frontiera,
sia in senso geografico che teologico…
Lì viveva una popolazione estremamente mista, quasi pagana…
Si riteneva questo paese quasi come un sobborgo della città santa,
i suoi abitanti erano considerati come ai margini del popolo di Dio…
Eppure è proprio là che Gesù va ad iniziare il suo ministero:
frontiere e altre delimitazioni non esistono per lui…

C’era chi vedeva, in quel luogo di meticciato religioso,
quasi un pericolo per la vera religione, per la purezza della fede…
Ed era in quella terra che Gesù era venuto ad abitare;
e, in quella terra, spalanca i suoi occhi per cogliere la bellezza di Dio,
nei volti induriti dal sole e dal lavoro,
nelle mani affaticate e nell’incertezza del domani…

In quella terra Gesù “vede”…
È uno dei primi verbi usati nella Bibbia: dopo che Dio aveva creato tutte le cose,
esse esistono e Dio vide che erano buone…

Per ben due volte questo verbo viene ripetuto nel brano di oggi:
lo sguardo di Gesù verso ciascuno di noi è l’origine della fede, dono di Dio…
La fede non è facoltà, merito, dovere, bravura nostra:
è lo sguardo di Gesù verso di noi a creare la fede…

Dallo sguardo che scopre bellezza e scruta nel profondo del cuore,
nasce il suo invito: Venite dietro a me..
Possiamo anche dire di no: non c’è fede senza libertà…
Vera libertà è accettare o, forse, rifiutare il dono:
e questa Parola non è detta solo ai primi quattro compagni di Gesù,
ma anche a noi, e a ciascuno di noi che leggiamo e ascoltiamo questa Parola…

È bello contemplare l’accoglienza che questa Parola trova in quegli uomini:
accoglienza semplice, radicale, e, io penso, lieta…
Immagino il fascino e la seduzione che questo invito provoca in loro…
Davanti alla Buona Notizia, è semplice e bello lasciarsi prendere…
Questa è la vita di fede: il tuo lavoro continua
ma è continuamente investito dalla perenne novità della Parola di Gesù,
che ti vede e ti chiama…

Gesù ti “vede” e la sua Parola riempire la tua vita quotidiana di senso nuovo…

don Enrico

error: Content is protected !!