IL LIBRO DI ISAIA

La lettura del libro del profeta Isaia.

L’intento è quello di seguire – per quanto possibile – un cammino cronologico dello sviluppo del movimento profetico all’interno della Storia della salvezza.
Nella prima parte del cammino di questi anni abbiamo affrontato la lettura dei profeti del IX-VIII secolo a.C. che avevano esercitato il loro ministero nel Regno di Israele (il regno del nord, dopo la divisione in due Regni avvenuta con la successione del re Salomone).

Abbiamo iniziato con la figura di Elia. Anche se di questo profeta non esiste un libro a lui dedicato, si tratta della prima figura che – in modo palese vive l’impegno profetico per richiamare e rafforzare la religione ebraica all’assolutezza e all’eticità della vita. Fu un vero araldo del rinnovamento religioso il cui spirito era quello del deserto e la sua fedeltà a Dio li spinse a richiamare con forza i diritti di giustizia sociale.
Il nostro impegno è proseguito con la lettura del profeta Amos (il primo profeta le cui parole siano state conservate sotto forma di libro): era il grande difensore della giustizia. Per lui erano evidenti i sintomi della decadenza sociale (ricchezza concentrata nella mani di pochi, oppressione dei poveri, tentazione dell’autosufficienza spirituale). Amos propone un radicale cambiamento di vita: bisogna sempre attendere il “giorno del Signore” e prepararsi ad esso odiando il male e amando il bene e ristabilire la giustizia e il diritto (Amos 5,15).

In seguito, ci siamo dedicati ad un contemporaneo di Amos: il profeta Osea. È il profeta che, dalla sua situazione di vita (un matrimonio infelice) trae l’idea che il popolo di Israele con le sue infedeltà religiose ed etiche può essere paragonato ad una sposa adultera e dedita alla prostituzione.
Lo sposo di Israele, Dio, il Signore, castigherà e correggerà Israele, la sposa infedele, ma, attraverso rinnovati vincoli d’amore, ristabilirà una intensa vita coniugale e relazioni di affetto e amore.

Ora è giunto il momento di affrontare la lettura di un nuovo profeta.
Il cammino cronologico ci porta alla lettura del profeta Isaia. Ci spostiamo nel regno di Giuda (il regno del sud). La nostra lettura, per questo spazio di tempo inizierà dal capitolo 6 (la vocazione di Isaia) e proseguirà con la lettura dei capitoli dall’1 al 5 (i testi profetici proclamati durante il regno di Iotam). Riprendendo e rinnovando le profezie di Amos, Isaia si dedica alla condanna del lusso sfrenato e gli abusi sociali che invadono anche il regno di Giuda. La religiosità diffusa faceva solo da schermo illusorio alla non santità della vita. Il ministero di Isaia, e Dio ne è ben consapevole, non sarà per nulla facile poiché nobili, potenti e popolo si rifiuteranno di ascoltare la sua parola (Isaia 6,8-10). Tuttavia, e questa è una caratteristica di tutta la profezia isaiana, vi sarà sempre un piccolo “resto” che rimarrà fedele alla Parola (6,13).

 

SCHEDE BIBLICHE
2016/2017 - 2017/2018

error: Content is protected !!