Un vero sabato…

Un vero sabato…


Aveva appena finito, in un campo di grano,
 di trasformare una proibizione dettata dalla legge del sabato in una festa di povera gente che ritrovava, con le sue parole, il pieno significato del sabato, e non il suo annullamento!
Povera gente nutrita dalla bontà di Dio
e non più impediti alla gioia dalle prescrizioni degli uomini…
Ed ora, lasciando l’aria libera del campo, Gesù entra nella sinagoga, dove incontra un uomo malato…
È lecito guarire in giorno di sabato?
Una domanda che nasce per creare difficoltà a Gesù e al suo insegnamento…
Comprendiamo bene la facilità di dare una risposta:
i farisei – e ciascuno di noi – potrebbero farlo facilmente, ma l’ovvia risposta è paralizzata dalla paura…
Una riposta positiva stravolgerebbe ogni certezza, cancellerebbe ogni legge, ogni certezza acquisita, e tutto sarebbe alterato dalla novità dell’amore…
Una risposta positiva avrebbe costretto a rivedere il concetto di giustizia: non è giusto ciò che mi tranquillizza,
è giusto ciò che crea bene, e felicità, e pace, per sé e per gli altri…
Ma i farisei non si curavano della sofferenza altrui,
pensavano maggiormente all’osservanza esteriore della legge;
eppure il sabato, secondo la Legge, è il giorno più adatto per fare il bene!
Infine, Gesù opera il suo miracolo: e quella è la risposta… Guardate me che sono amore,
e imparerete a conoscere la relazione tra amore e Legge…
Ma quell’uomo, probabilmente, nascondeva la sua mano, se ne vergognava… Ora Gesù lo invita a rischiare; e dice all’uomo dalla mano inaridita:
“Tendi la tua mano”, ovvero, “metti in gioco te stesso”… Credere in Dio vuol dire tendere la mano come un povero,
vuol dire riconoscersi creatura che non basta a se stessa…
La guarigione è togliere l’uomo dalla sua prigione – la mano “inaridita” –
la mano viene guarita per dare una mano a chi ha bisogno
Il vero “sabato” – il giorno di Dio – irrompe nella vita degli uomini:
in quell’uomo la creazione raggiunge il suo pieno compimento
e irrompe il “sabato” di Dio: la festa dell’amore e della pienezza della vita…

don Enrico

error: Content is protected !!